icon
12 Luglio 2021 — Attività dell'OIV

Luigi Moio è stato eletto presidente dell’OIV

Pagina principale > Notizie > Attività dell'OIV > Luigi Moio è stato eletto presidente dell’OIV

Lo scorso 12 luglio 2021, durante la sua 19ª Assemblea generale tenutasi a Parigi, l’OIV ha tenuto le elezioni per rinnovare la presidenza dell’Organizzazione e la dirigenza dei vari organi che la compongono.

Condividi quest'articolo su

Twitter Facebook

Sarà un italiano il presidente dell'Organizzazione internazionale della vigna e del vino per i prossimi tre anni, dopo la brasiliana Regina Vanderlinde.

Luigi Moio è professore di Enologia presso l’Università di Napoli e direttore dell’Istituto di Scienza della Vigna e del Vino.

Per oltre 25 anni si è occupato degli aspetti sensoriali, biochimici e tecnologici dell’aroma del vino. È autore di circa 250 pubblicazioni scientifiche, con un indice H di 41 su Google Scholar, 32 su Scopus e 32 su WOS, con oltre 4800 citazioni su Google Scholar, 2800 su Scopus e 2900 su WOS.

Luigi Moio, il nuovo presidente dell'OIV

Dal 1998 collabora con il ministero delle Politiche agricole italiano in qualità di esperto scientifico. Dal 2009 al 2014 è stato presidente del Gruppo di esperti "Tecnologia” dell’OIV e dal 2015 al 2018 della Commissione “Enologia” dell’Organizzazione. È già stato secondo vicepresidente dell’OIV.

È membro dell’Accademia dei Georgofili e dell’Accademia Italiana della Vite e del Vino. Autore di libri e articoli sugli aspetti scientifici dell’enologia, viene spesso intervistato dalle emittenti nazionali italiane sulle tematiche relative al settore vitivinicolo.

Nel 2016 ha pubblicato per Mondadori il libro Il Respiro del Vino, un saggio scientifico sul profumo del vino che ha ottenuto numerosi riconoscimenti. Il libro, alla sua decima edizione, ha venduto circa 30.000 copie in Italia. Nel 2020 ne è stata pubblicata un’edizione in francese con il titolo Le souffle du vin per la casa editrice Éditions France Agricole.

Nel 2001 ha fondato l’azienda vinicola Quintodecimo, nella quale produce vini di grande qualità con le denominazioni più prestigiose della Campania.

Durante l’Assemblea generale sono stati eletti anche i presidenti degli organi scientifici dell’Organizzazione:

Commissione I “Viticoltura”
Ahmet Altindisli (Turchia), che succede a Vittorino Novello (Italia)
Commissione II “Enologia”
Fernando Zamora (Spagna), che succede a Dominique Tusseau (Francia)
Commissione III “Economia e diritto”
Yvette van der Merwe (Sudafrica), che succede a Dimitar Andeevski (Bulgaria)
Commissione IV “Sicurezza e salute”
Pierre-Louis Teissedre (Francia), che succede a Gheorghe Arpentin (Moldova)
Sottocommissione “Metodi di analisi”
Manuel Humberto Manzano (Argentina), che succede a Markus Herderich (Australia)
Sottocommissione “Uva da tavola, uva passa e prodotti non fermentati della vite”
Luís Peres de Sousa (Portogallo), che succede ad Alejandro Marianetti (Argentina)